Storia
 

Una lunga tradizione data al 1945 la nascita della nota e conosciuta "ARMERIA COSIMO CALABRESE" Armeria nei locali siti in Corte Castromediano al civico 5, a Gennaio del 1946 si trasferisce nei locali siti in Via Ascanio Grandi ove ottenne regolare licenza di esercizio, è chiaro pertanto che, qualora la tradizione del 1945 sia veritiera, Cosimo Calabrese richiese ed ottenne la regolare licenza di esercizio solo un anno dopo l’apertura del locale.
Sebbene giovanissimo Cosimo Calabrese, vero e proprio “figlio d’arte”, sia il padre Gaetano che il suocero EgidioEgidio, entrambi grandi ed esperti cacciatori Gaetano e Egidio, viene ad imparare l’arte venatoria e balistica e poter aprire così, un locale di “articoli da caccia” come si può notare dalla relativa richiesta di apposizione di insegna datata 19/01/1946, in località centralinissima della città.
Col tempo acquista la fiducia di una vasta clientela locale e nazionale,  e "Don Cosimo" si specializza nella produzione di cartucce cariche da caccia, fra cui la mitica e rinomata "TRAMONTANA" Tramontana, seguita dalla "STELLA DEL SUD" e dalla "DIAVOLI ROSSI", ecc., cartucce che superano per la loro qualità i confini regionali.
E' una delle poche armerie in Italia ad essere dotata già a quei tempi di polveriera propria e di una succursale a Brindisi. Specializzato nelle armi e munizioni otteneva le esclusive delle più rinomate ditte dell'epoca (Martignoni, Breda Breda, BPD, FranchiFranchi, Winchester Winchester,ecc).
Il caricamento delle cartucce di cui solo lui ne era il depositario in termini di polveri, dosi e pressioni ne hanno fatto conoscere la qualità e la costanza in tutta Italia, distinguendole dalle altre concorrenti , tanto da fargli adottare il motto "IMITATI SEMPRE, RAGGIUNTI MAI".
La produzione delle cartucce è stata sempre in grande sviluppo: Tramontana, Stella del Sud, Sorci verdi, Diavoli rossi, ecc. sino alla Roby Texas, Eco Sud, Calabresella, e con orgoglio gli veniva anche richiesta la prova con fucili di alta qualità Roby.
Il suo entusiasmo e la sua passione nel produrre cartucce sono stati generosamente trasmessi al figlio ed ai nipoti che hanno cooperato in tutti questi anni allo sviluppo ed alla crescita dell'azienda, nel 1999 la conduzione venne assunta dal figlio Ing. Roberto che ha intelligentemente mantenuto le caratteristiche peculiari del locale storico.
L'azienda si diversifica in più settori, dalle armi alle munizioni, dalla ricarica agli accessori.
Effettua riparazioni su tutti i tipi di armi, ove possibile in armeria e/o presso le ditte più rinomate nel settore armiero.